Supersconto del 50%  

   

Schegge per un Natale Horror 2016  

   

Schegge di Halloween all'Italiana - Cartaceo  

   

Una Zombie Novel  

   

Dunwich Edizioni  

   

Delirium  

   

No EAP  

   

Nuove Uscite - “The massacre of the Mermaids” di Alessandro Manzetti

Dettagli

“The massacre of the Mermaids” di Alessandro Manzetti è la nuova raccolta in inglese horror e distopica della collana K_Noir di Kipple Officina Libraria
Dopo la prestigiosa nomination per il Bram Stoker Awards, torna Alessandro Manzetti con una nuova raccolta in lingua inglese horror – distopica, come da tradizione per lo scrittore italiano, editata da Jodi Renee Lester e pubblicata dalla collana K_Noir di Kipple Officina Libraria.
Il titolo della raccolta è The massacre of the Mermaids ed è appartenente alla produzione più oscura di Manzetti.
La cover è dell'artista inglese Ben Baldwin.


TRAMA - Dall'autore finalista al Bram Stoker Awards® 2014 una nuova raccolta di racconti horror, weird e gore che sconfina nella fantascienza distopica e nell'epic horror. The Massacre of the Mermaids include sette storie visionarie e disturbanti ambientate in varie locations, nel futuro e nel passato: l'eretica e apocalittica Roma dominata dal primo Papa transgender, che insieme al suo delirante seguito organizza scioccanti esibizioni nel nuovo Colosseo; la sanguinosa e cannibalica Gerusalemme ai tempi della prima Crociata, con le sue orde di Tafur, bande di stupratori, criminali e antropofagi senza bandiera; il futuro e ultraviolento quartiere di Parigi Sud 5 con le sue discariche umane; il Nakara, la prigione-mattatoio scavata nel ventre della Luna, il primo allevamento umano organizzato della storia, con la sua diabolica Affettatrice; le arcane stanze sotterranee del Mictlan, il sadico inferno Azteco che stritola le vittime spagnole, le truppe di Hernán Cortés catturate, tramite sacrifici e riti di impensabile brutalità e deviazione. The Massacre of the Mermaids col suo orrore senza tempo vi lascerà semplicemente senza fiato. Il limite non è mai stato così violato.
L'AUTORE - Alessandro Manzetti: Autore di narrativa horror, fantascienza, weird, dark poetry, consulente editoriale ed editor. Ha pubblicato, col suo nome e con lo pseudonimo di Caleb Battiago, due romanzi (Naraka, Shanti), sette racconti e raccolte (Acrux, Parigi Sud 5, Limbus, Malanima, Vessel, Kiki, I Giorni della Gallina Nera), quattro pubblicazioni antologiche (Naraka, Red, Black e Apocalyptic Kollection) una raccolta di interviste ai grandi maestri dell'horror anglosassone (Monster Masters) una raccolta di poesie dark (Uterus), due pubblicazioni in lingua inglese (The Shaman, Venus Intervention) e diversi racconti e poesie dark inseriti in antologie, cartacee ed ebook e magazine internazionali, quali Bones III (James Ward Kirk Publications, USA), The Horror Zine (USA) e The Poetry Box (UK)
È il responsabile della agenzia di traduzioni ed editing Probably King, ho collaborato con varie case editrici (Gargoyle Books, Edizioni XII, Mezzotints eBooks, Kipple Officina Libraria) come responsabile editoriale, editor di collana, responsabile marketing e diritti esteri. È membro della Horror Writers Association (HWA), della Science Fiction Poetry Association (SFPA) e della British Fantasy Society.
ESTRATTO -  
(...) The Rosary chain continues. Priscilla hits the bench with her electronic harpoon for the second round. There are as many grains as there were witches torn to pieces in the square the week before. The sluts who wouldn’t donate their uteruses, the horrid reproductive organs, to the Black Hen. The Swiss Guards of the dark She-Pope will find them all, sooner or later, in the new Rome, awash by many blood-gushing fountains. Days, years of sharp stakes and fire.

The Friday rosary continues to plague the Basilica, to count the dead. Domenico, in the privacy of the sacristy, admires himself in the mirror. He secretly wears a necklace of witch intestine and an old white skirt, part of a twentieth-century wedding dress.

When he was young, he used to work for the Inquisition of the Black Hen as executioner of the bitches who married in secret according to Christian traditions: a white dress, a vow of forever, then reproduction. His job was to capture those heretical brides and drag them to a square where he would make examples of them, snatching away their guts in front of the crowd, sinking his crescent-shape knife into their immaculate wombs, extinguishing any trace of life within.

Domenico takes off the skirt and opens a trap door on the floor. He wants to enjoy his collection of brides that he slaughtered. A neon light illuminates an underground tunnel, where dozens of mummified bodies are piled, their jaws wide open, as if they’re still screaming.

He goes down the ladder and sticks his tongue into the dead mouth of his favorite from his harem of corpses, brides still wearing their white veil and long silk train, smelling of ancient flowers. (...)


Subscribe via RSS or Email:

 
   
© LetteraturaHorror.it 2012-2016
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione
Per saperne di più