Halloween all'Italiana 2017 - Cartaceo  

   

Orrore al Sole 2017  

   

Schegge per un Natale Horror 2016  

   

Una Zombie Novel  

   

Dunwich Edizioni  

   

Delirium  

   

No EAP  

   

Nuove Uscite - “Ancorati a un Patto” di Dario Arzilli

Dettagli

“Ancorati a un Patto” di Dario Arzilli è il nuovo fantasy-horror edito da Dunwich Edizioni.
TRAMA - Una delicata tregua sta per crollare e per forze sopite e nascoste da millenni è tempo di correre ai ripari prima che sia troppo tardi. Creature appartenenti al mito come arpie, basilischi, fenici e sirene sono in realtà vive, tangibili, altamente letali e già pronte a iniziare il loro gioco. Il predominio della razza umana sulla Terra pare arrivato ai suoi ultimi giorni: l’uomo sembra solo una sacrificabile pedina all’alba di una guerra che segnerà il ritorno di razze superiori. Qualcuno però avrà un compito fondamentale da portare a termine, in un modo o nell’altro.
L’AUTORE - Dario Arzilli nasce a Pontedera nelle ore più calde del 4 agosto 1978. È appassionato di arte, cinema, musica (rock e metal ma non solo), serie TV di genere, sport, letture di fantascienza, horror, fantasy, mystery.


Lansdale, Murakami, Carroll, Barker, King, Dick, Simmons, Farmer, Lovecraft, Poe, Bukowski, Buzzati, Calvino, Brown, Le Guin, Carver, Simak, Mieville, McCarthy, Vance, Keene, Lindqvist, Zelazny, Heinlein, Sheckley, Wilson
sono solo alcuni dei suoi scrittori preferiti. Nel 2014 partecipa al concorso per racconti brevi horror La Serra Trema e lo vince con il racconto Il Secondo Premio della Lotteria. Partecipa a Halloween all’Italiana nel 2014 e viene selezionato per la pubblicazione con il racconto Un Incubo Che Ti Uccide Ogni Anno nel 2014. Nel dicembre 2014 partecipa al concorso per racconti brevissimi Schegge per un Natale Horror e lo vince con il racconto Babbo Natale in Umido. Nel 2015 partecipa di nuovo a La Serra Trema e arriva al terzo posto con il racconto Una Vita da Sogno. Sempre nel 2015 partecipa a I Mondi del Fantasy V e viene selezionato per la pubblicazione con il racconto Pellegrinaggio.

UN ASSAGGIO - «Sono qui perché dob­biamo parlare. Sono venuto da molto lontano, sono venuto per te, Enrico Sono venuto perché abbiamo poco tempo e molte cose da fare. Prima di tutto, lascia che mi presenti. Così come mi vedi sono conosciuto come Giorgio Draghi e vivo da eremita in una piccola località della Lunigiana. Potrei dirti che mi guadagno da vivere facendo il pittore, dato che dipingere è una delle tante cose che faccio, ma ti mentirei perché non mi guadagno da vivere in nessun modo. Non ho la necessità di guadagnarmi da vivere, per me la vita non è un beneficio, ma quasi una condan­na. E non sono quello che vedi, non sono veramente Giorgio Draghi. Questa faccia è solo una delle mie maschere, questa pelle solo uno dei miei vestiti, non certo tra i più sfarzosi. Per altri abitanti di questo mondo, a te ignoti, io sono il Re. Puoi chiamarmi Re Serpente o, come dicono nelle mie zone, Serpen­te Regolo. Appartengo all’antica e nobile stirpe dei Basilischi e tra tutti sono quello che nell’Era Recente ha avuto i maggiori contatti con l’uomo.»


Subscribe via RSS or Email:

 
   
© LetteraturaHorror.it 2012-2016
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione
Per saperne di più