LetteraturaHorror.it consiglia:  

   

Halloween all'Italiana 2020  

   

L'Horror ai tempi dei Lockdown  

   

Un Natale Horror 2019  

   

Una Zombie Novel  

   

No EAP  

   

Recensione Serie Tv - I favoriti di Mida su Netflix

Dettagli
Recensione I favoriti di Mida

"I favoriti di Mida" è la nuova serie tv thriller di Netflix recensita da LetteraturaHorror.it 
Abbiamo parlato ieri di una serie tv thriller spagnola come The Head (su Amazon Prime Video) e, oggi, siamo qui ancora una volta a recensire un serial proveniente dalla penisola iberica. A differenza di The Head che è stato prodotto da HBO Asia, però questo è totalmente spagnolo .
Stiamo parlando de I favoriti di Mida, la nuova serie tv thriller e mistery rilasciata dalla piattaforma di streaming Netflix pochi giorni fa.
I favoriti di Mida è una miniserie composta da 6 puntate di poco meno di un'ora ciascuna e prende il nome dal famoso racconto di Jack London.



TRAMA - Victor Genoves (Luis Tosar) è un ricco erede di una grande azienda spagnola di Media e comunicazione. La Spagna sta attraversando un momento di grandi rivolte e difficoltà politiche. Le proteste e gli scioperi sono all'ordine del giorno, proteste che sfociano presto in atti di violenza perpetrati da tutte le parti. A peggiorare le cose un sedicente gruppo che si fa chiamare I preferiti di Mida che utilizza Victor e la situazione di instabilità politica per interessi privati.

RECENSIONE - I favoriti di Mida è una serie tv crime godibile e ben strutturata. Seppur peccando appieno di adrenalina e colpi di scena, il thriller ha nella storia ben presentata e impacchettata i suoi punti di forza. Fotografia e scenografie eccellenti, oltre a un impeccabile contesto storico e sociale rappresentato alla perfezione dai registi Mateo Gil e Oskar Santos.
La trama è godibile, ovviamente presa dal racconto omonimo di Jack London (un gran bel racconto che vi invitiamo a leggere per gli amanti delle distopie e delle fantascienze) e riadattato per il piccolo schermo da due autori considerati dei "must" in Spagna come lo stesso regista Mateo Gil (collaboratore del quotatissimo Alejandro Amenabar in Apri gli occhi, Mare dentro) e Miguel Barros (Gigantes, Libertad, Blackthorn - La vera storia di Butch Cassidy).
Lo svolgimento della vicenda nonostante sia ben strutturata, purtroppo, però, non regala sempre forti emozioni che ci si aspetta da un thriller-crime, sebbene, comunque, non rasenti mai la piattezza e, in un modo o nell'altro, ci fa affezionare alla storia tenendoci comunque attaccati allo schermo se non altro per capire come va a finire, un finale però che sembra restare aperto a una nuova stagione.
Molto credibile, invece, la recitazione di un cast che vede come punta di diamante Luis Tosar (Cella 212, Bad Time), a nostro avviso uno dei migliori caratteristi d'Europa, uno degli attori da tenere in grande considerazione, sempre addentrato nel personaggio dalla prima all'ultima scena. Tosar è pienamente in grado di elaborare il cambiamento interiore che il protagonista subisce in tutta la vicenda sebbene la profondità del personaggio non sia pienamente accompagnata dalla sceneggiatura. Molto buone, a nostro avviso, anche le altre interpretazioni di Marta Belmonte, Carlos Blanco, Marta Milans, Adolfo Fernández e Guillermo Toledo.

CONCLUSIONI - In conclusione, nonostante le tante pecche dovute per lo più alla scarsa dinamicità della vicenda e al non riuscire a colmare i buchi tra un accadimento e l'altro, I favoriti di Mida è una serie tv che va vista poiché tanti sono gli spunti interessanti anche di riflessione visti i tempi in cui siamo costretti a vivere.

Chi volesse leggere il racconto di Jack London può acquistare l'ebook cliccando il banner qui sotto, il prezzo è ottimo e anche la storia

Subscribe via RSS or Email:

 
   
© LetteraturaHorror.it 2012-2021
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione
Per saperne di più