Supersconto del 50%  

   

Schegge per un Natale Horror 2016  

   

Schegge di Halloween all'Italiana - Cartaceo  

   

Una Zombie Novel  

   

Dunwich Edizioni  

   

Delirium  

   

No EAP  

   

Racconto: "Coitum" di Darkum Neik (Ivano Maione)

Dettagli

Letteratura Horror propone un racconto scritto da Darkum Neik (Ivano Maione). Il racconto si chiama “Coitum”. Sarà possibile leggere un'anteprima del racconto qui sotto e, poi, scaricarlo gratuitamente nei formati pdf ed ePub. Inoltre, previa registrazione e login al sito (se sei già registrato solo login), sarà possibile votarlo e commentarlo.

COITUM

Il plenilunio di Venerdì 13 era particolarmente tenebroso. La luna era grande e luminosa, la vicinanza alla Terra era straordinaria.

I riflessi bluastri del suo chiarore si confondevano con le luci di Dayton, cittadina del Midwest statunitense; uno dei centri più popolosi dello stato dell'Ohio. In fondo al parco Cooper la statua bronzea del venticinquesimo presidente William McKinley sembrava prendere vita, il braccio sinistro alzato pareva muoversi. La luce blu elettrizzava ogni cosa, compreso il mantello eneo del vecchio presidente.
La biblioteca pubblica che si ergeva alle spalle della statua era disabitata, da quando la sede era stata cambiata di qualche isolato. Alla cima della struttura simile al campanile la croce era sparita, nessuno fece caso. L'edificio era divenuto in poco tempo inutile, nonostante fosse da un centenario e sempre attivo. All’interno le stanze erano come allargate per lo spazio ed il vuoto, un qualsivoglia rumore o bisbiglio avrebbe creato un eco raggelante. Malgrado la città si fosse dimenticato subito dell’edificio, i servizi funzionavano. La corrente elettrica, l’acqua ed il riscaldamento non erano stati tolti. Erano attivi ed inutilizzabili. Probabilmente se si fosse saputo a molti poteva sembrare un ennesimo spreco e l’avrebbero reclamato attuando una soluzione, ma spesso come accadono le cose più cupe ed oscure, nessuno lo sapeva. Le luci fuori della struttura erano spente, anche se lontani da sguardi erano funzionanti con una frequenza ritmica. Alcune stanze non smisero mai di essere ripostiglio o meglio spogliatoi. [continua a leggere scaricando il racconto in formato ePub o pdf]


Subscribe via RSS or Email:

 
   
© LetteraturaHorror.it 2012-2016
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione
Per saperne di più