Orrore al Sole 2017  

   

Schegge per un Natale Horror 2016  

   

Schegge di Halloween all'Italiana - Cartaceo  

   

Una Zombie Novel  

   

Dunwich Edizioni  

   

Delirium  

   

No EAP  

   

Racconto: "L'ultima meta" di Giuseppe Novellino

Dettagli

LetteraturaHorror.it propone un racconto scritto da Giuseppe Novellino. Il racconto si intitola “L'ultima meta” e sarà possibile leggerne un'anteprima qui sotto e, poi, scaricarlo gratuitamente in formato ePubpdf. Inoltre, previa registrazione e login al sito (o (e sei già registrato solo login), sarà possibile votarlo e commentarlo.

L'ULTIMA META

Billy Thorpe si levò a sedere e si passò una mano sulla barba ispida. Sbadigliò.


Un fruscio tra i cespugli lo fece girare di scatto. Nella frazione di mezzo secondo, una Colt Navy si materializzò nella sua mano. Il clic metallico del cane svegliò il compare che era avvolto in una coperta accanto alle ceneri del focolare.
- Che cosa è stato? – domandò l’uomo con voce impastata.
- Niente – rispose Thorpe. – Solo una volpe grigia.
Il sole era appena spuntato da dietro i rilievi delle Sand Hills e la sua luce rendeva già vividi i colori dei pini radi, dei cespugli e delle rocce biancastre. Uno dei due cavalli, allacciati a un ramo basso di quercia, emise un debole nitrito.
- Preparo il caffè – annunciò Thorpe.
- È quello che ci vuole – biascicò il compare.
E mentre si dava da fare con i rametti secchi sulla cenere ancora calda, Billy vide con la coda dell’occhio l’altro alzarsi un po’ traballando e stiracchiarsi con le mani sui fianchi.
- Bunter, passami i fiammiferi. I miei sono finiti.
Il socio frugò in una tasca e gli lanciò la scatoletta di cartone. – Vacci piano – raccomandò, – non vorrei rimanere senza fumo fino a Sterling.
- Ormai non manca molto – fece Billy Thorpe. – Arriveremo prima di sera, se ci mettiamo subito in marcia.
- Dopo aver bevuto un sorso di caffè
- Puoi contarci. E di quello buono.
- Già, non ne trovi di simile in tutto il Nebraska.
- Roba da signori. Ce n’erano almeno dieci scatole in quella borsa. Peccato averne presa solo una.
- Per poter portarci appresso tutta la sporta dovevamo rimorchiarci la diligenza.
- Invece ci siamo accontentati della grana: cinquecento testoni, tondi tondi – disse Thorpe ridacchiando. 

[continua a leggere scaricando il racconto in formato ePub o pdf]

Subscribe via RSS or Email:

 
   
© LetteraturaHorror.it 2012-2016
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione
Per saperne di più