Halloween all'Italiana 2017 - Cartaceo  

   

Orrore al Sole 2017  

   

Schegge per un Natale Horror 2016  

   

Una Zombie Novel  

   

Dunwich Edizioni  

   

Delirium  

   

No EAP  

   

Rubriche

Letteratura Horror propone la sezione "Rubriche" dove i protagonisti della letteratura e dell'horror potranno scrivere le loro idee, i loro pensieri curando una rubrica personale.
Ecco le nostre rubriche e le firme eccellenti:

Rubrica - Libreria d'Annata - Racconti stregati

Dettagli

“Racconti stregati” (Longanesi, 1976) è l'antologia horror analizzata dallo scrittore Nicola Lombardi per la rubrica “Libreria d'annata
Risale alla primavera del 1976 uno fra i libri più ‘misteriosi’ che si possano incontrare nella libreria di un appassionato di letteratura horror. ‘Misterioso’ non perché lo sia veramente, ma solo perché non vi è riportato il nome del curatore, né il titolo originale (ci viene detto solo che la traduttrice è Paola Campioli), e neppure troviamo a corredo una prefazione che possa in qualche modo permettere al lettore di orientarsi. Insomma, un’antologia da prendere così com’è, senza porsi troppe domande. Il titolo è Racconti Stregati, inserito dall’editore Longanesi nella ricca e interessante collana La Ginestra, cui fa comunque seguito un sottotitolo chiarificatore: Incanti, apparizioni, incubi e alchimie in quindici capolavori dell’orrore. Bene, è già qualcosa. A onor del vero, in quarta di copertina troviamo almeno una ventina di righe che forniscono un minimo di informazioni. Ne estrapoliamo un paio di frasi: “Questa antologia segue l’oscuro filo di Arianna dell’ossessione demoniaca, come si è espresso nella tradizione popolare e nella letteratura. […] In ogni storia l’inquietudine e lo smarrimento che, sia pure per un attimo, colgono il lettore, testimoniano le radici profonde della ‘grande paura’ dell’ignoto.” (In realtà, ci troviamo di fronte a un ‘saccheggio’ piuttosto arbitrario della molto più nutrita e articolata antologia americana Whitches, Wraiths & Warlocks del 1971).

Rubrica - "Libreria d'Annata" - “L'orrido pasto” a cura di Ramsey Campbell

Dettagli
“L'orrido pasto” a cura di Ramsey Campbell (Mondadori, 1996) è l'antologia horror analizzata dallo scrittore Nicola Lombardi per la rubrica “Libreria d'annata
Oltre che apprezzato autore di romanzi e racconti sinistri e conturbanti - e quasi unanimemente considerato dagli appassionati del genere un maestro contemporaneo - Ramsey Campbell è anche un raffinato curatore di antologie, e quella che qui presentiamo ne è uno squisito esempio. L’orrido pasto, uscito negli Oscar Mondadori nel 1996, è la traduzione della suggestiva raccolta Uncanny Banquet pubblicata in Inghilterra quattro anni prima.
Giusto per comprendere l’umore di questo libro e i criteri che hanno guidato le scelte del curatore, dalla prefazione di Campbell leggiamo: “Ricordo che un tempo le antologie dell’orrore e del soprannaturale erano costituite quasi esclusivamente da opere dei maestri, il che significava esagerare nel riconoscere il proprio debito di gratitudine. Per ironia della sorte, se ieri le storie-chiave continuavano a essere ristampate, oggi vengono sistematicamente escluse dalle antologie, con il risultato che è difficile trovarle. […] L’orrido pasto, tuttavia, non è un libro di questo genere. Mi auguro che raccolga una serie di racconti non meno belli dei classici accreditati, ma meno conosciuti.

Rubrica - “Letters from Miskatonic University” - "Torture sottili” di Lisa Mannetti

Dettagli
"Torture sottili” di Lisa Mannetti (Kipple Officina Libraria 2016) è il nuovo romanzo  horror analizzata nella decima puntata di “Letters from Miskatonic University”. 
Continua l’opera di nobilitazione del grande horror contemporaneo sul territorio italico, soprattutto per merito delle coraggiose scelte che vengono fatte da realtà appartenenti al panorama editoriale indipendente, che con audacia decidono di importare nel nostro Paese opere ed autori di grande statura internazionale, ma ignorati quasi totalmente dalle major italiane.
Questa volta è il turno di Kipple Officina Libraria - CE diretta dal fresco vincitore del Premio Urania, il geniale Luca B. Kremo - che ci propone per la collana k_noir Torture sottili dell’italo-americana Lisa Mannetti.
Il romanzo in questione, che si è aggiudicato nel 2009 il prestigioso Bram Stoker Award, è una torbida storia di stregoneria ambientata nell’Europa dell’est (tra Bulgaria e Romania) nella parte centrale del XIX secolo.

Rubrica - "Libreria d'Annata" - “999 - Racconti inediti per un millennio da brividi” a cura di Al Sarrantonio

Dettagli

“999 - Racconti inediti per un millennio da brividi” a cura di Al Sarrantonio (Sperling & Kupfer 1999) è l'antologia horror analizzata dallo scrittore Nicola Lombardi per la rubrica “Libreria d'annata
Avendo come obiettivo quello di ‘fotografare’ lo stato dell’horror letterario al chiudersi del secondo millennio, lo scrittore-articolista-curatore Al Sarrantonio ha chiesto a diversi, illustrissimi rappresentanti del settore di proporre un racconto inedito, scritto appositamente per fissare un’istantanea del loro genere prediletto. Ne è risultata 999 - Racconti inediti per un millennio da brividi, un’antologia veramente strepitosa che raccoglie i contributi dei più celebrati autori neri (e uscita appunto nel 1999).
Questo libro è un banchetto,” afferma Sarrantonio concludendo la propria introduzione. “È ora di mettersi a tavola.” Ed è Kim Newman, col suo Amerikani morti all’obitorio di Mosca, a servire un crudo antipasto al lettore. A seguire, per contrasto, troviamo Le rovine di Contracoeur, un racconto di grande atmosfera intriso di lugubre poesia, opera di una vera e propria autrice di culto per gli appassionati di narrativa nera e disturbante: Joyce Carol Oates.

Rubrica - “Letters from Miskatonic University” - "Il morso dello sciacallo” di Paolo Di Orazio

Dettagli
"Il morso dello sciacallo” di Paolo Di Orazio (Vincent Books, collana New Breed 2016) è il nuovo romanzo  horror analizzata nella nona puntata di “Letters from Miskatonic University”. 
Afareen Torn è la popstar del momento, un teen-idol alla Justin Bieber, ma molto più pericoloso. Il suo manager invece si fa chiamare Murnau ed è un gigante freddo come il ghiaccio e terribilmente sadico, pronto davvero a tutto per far sì che il suo protetto venga universalmente riconosciuto come la più grande personalità vivente.
Insieme arrivano a Roma, città scelta come quartier generale da cui far partire il loro progetto. I due sono molto ambiziosi, e non si fermeranno davanti a nulla, ma proprio nulla, pur di raggiungere il proprio scopo.
   
© LetteraturaHorror.it 2012-2016
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione
Per saperne di più